.

Piano locale di preparazione e risposta ad una pandemia influenzale

Il documento pubblicato prodotto dall'ASL di Brescia è in fase di adeguamento al nuovo assetto organizzativo istituzionale dell'ATS di Brescia.

Per la gestione delle emergenze sanitarie, l'ATS di Brescia ha provveduto a dotarsi di strutture coordinate, attivabili a fronte di situazioni di emergenza, con il supporto di una rete interna ed esterna, che è in grado di coordinare tutti gli attori del sistema sanitario.

Gli "stati di emergenza" vengono dichiarati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Gli interventi di prevenzione sanitaria e veterinaria vengono posti in capo ai Comitati Operativi della Protezione Civile, integrati dalla Direzione Generale Sanità Regionale e dalle ATS.
Sostanzialmente le misure a valenza sanitaria e veterinaria prevedono, innanzitutto

  • comunicazione da finalizzare alla informazione e formazione
  • profilassi generale e specifica
  • approntamento e fornitura dei Dispositivi di Protezione Individuale, dei vaccini specifici e dei farmaci antivirali.

Il Piano Pandemico (aggiornato con Decreto DG n. 594 del 12.12.2013) inoltre, prevede stretti rapporti di collaborazione con le strutture ospedaliere, allo scopo di aumentare la disponibilità di posti letto.
Nella gestione delle emergenze pandemiche è pure previsto il coinvolgimento delle Strutture Socio-Sanitarie, finalizzato alla condivisione di piani di aumento dell'assistenza in RSA, onde evitare il ricorso al ricovero negli ospedali per acuti.
Al riguardo, sono anche predisposti accordi organizzativi atti ad aumentare l'assistenza domiciliare integrata.

 Documento locale per l'attuazione del Piano Regionale di preparazione e risposta ad una Pandemia influenzale

Ultima modifica: 15/01/2018